68° capitolo

Tutto quello che sentivo era una rinascita delle mie emozioni e sapevo che era lo stesso per te. Ti sentivo in cucina che preparavi qualcosa e di tanto in tanto mi dicevi: “Arrivo… Sto arrivando!”. Sorridevo mordendomi le labbra sentendoti da basso. Nessuno altro si era preso cura di me come stavi facendo tu in queste ore. Per un secondo ho chiuso gli occhi, mentre mettevo insieme tutte le piccole cose che erano accadute. Ti ho sentito mentre stavi salendo le scale. Ti sei fermato sulla soglia della porta col vassoio in mano e mi hai guardato sospirando. Ti sei avvicinato e un altro pensiero è scappato dalla tua mente: “Ti potrei guardare all’infinito…” Sono arrossita mentre ti sei piazzato sul letto, facendo attenzione a non rovesciare il vassoio. Ciò che abbiamo sentito in quel momento, è stata una cosa che cresceva dentro di noi simultaneamente. Abbiamo condiviso una rapida occhiata, come se tutto fosse normale. Mi hai timidamente sorriso e l’ho fatto anch’io. Entrambi abbiamo dato un’occhiata al vassoio sulle lenzuola rosse. Schiarendoti la voce, come se volessi mettere via la sensazione che stavamo provando, mi hai illustrato cosa avevi preparato. Piccoli sandwich. Abbiamo passato il resto della sera tra quelle lenzuola rosse, raccontandoci qualcosa l’un dell’altro, mangiando i sandwich, tra occhiate, sorrisi, imbarazzo, risate e momenti di vera intimità.

⇐ 67° capitolo

69° capitolo ⇒

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.