42° capitolo

Sempre davanti l’uno all’altra, io sul tavolo tu di fronte immobile, ci stavamo guardando. I tuoi occhi mi avevano detto qualcosa che le parole non potevano esprimere. Avresti voluto dirmi qualcosa, ma non sei riuscito a pronunciare nessuna parola. Hai parlato solo attraverso gli occhi. Lentamente mi hai fatto scivolare sul tuo corpo e mi hai messo per terra davanti a te. Prendendomi gentilmente la mano mi hai accompagnato al divano. Mi hai fatto sedere e ti sei messo accanto a me. Non avevi ancora detto nulla, i tuoi piccoli gesti mi hanno fatto capire che il tuo cuore era pieno di parole. Il tavolino davanti a noi, era sempre pieno di fogli, riviste, diverse matite e le nostre pietre. Stavi cercando un foglio in particolare. Io ti stavo guardando senza fiato. Sapevo che era qualcosa d’importante e non volevo spezzare quell’atmosfera stranamente magica. Ogni cosa con te era magica. I tuoi occhi avevano una luce brillante e io mi ci sono tuffata. Finalmente quando hai trovato quel foglio me lo hai dato. Ancora senza dire nulla. Ti sei alzato e hai vagato per la stanza, mentre stavo cominciando a leggere cosa c’era scritto.

⇐ 41° capitolo

43° capitolo ⇒

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.