355°capitolo

shack60_forteQuella mattina volevamo che fosse una mattina normale, invece sapevamo che quella notte i Morgur avrebbero fatto l’ultimo salto nel vuoto tra i due mondi e il prossimo sarebbe stato il nostro. Scendemmo e senza pensarci uscimmo dall’appartamento e facemmo colazione con Fenkuz, i Markùts e Pyr. I Morgur, con Kapi, erano nelle loro capanne per studiare gli ultimi dettagli. Ci siamo guardati e senza dire niente, abbiamo pensato allo stesso tempo a Il Piccolo. Avevamo sospirato “Chissà quanto è emozionato” e abbiamo pensato subito alle parole di Kapi, quando eravamo nella capanna principale del Morgur Village e il nostro cuore ha iniziato a battere forte. Pensare che il Piccolo avesse perso i genitori a causa del Nulla, era una cosa che non potevamo ancora concepire e forse, in qualche modo, volevamo rimediare, ma come? Non lo sapevamo ancora e forse non c’era rimedio. Tuttavia non era il momento di pensarci. Ora le nostre menti e le nostre anime si stavano proiettando in quella baracca davanti allo specchio storto con i nostri bastoncini in mano e quello che sarebbe successo, lo avremmo visto solo noi, saltando. Era solo quello che avevamo in testa, mentre eravamo in compagnia dei nostri ragazzi che ci guardavano, ma sapevano che eravamo lì, in qualche modo, stavamo pensando a tutte le piccole cose che avremmo fatto prima del salto. Fenkuz ha parlato: “Non dovreste pensarci … per voi il salto sarà una cosa semplice … “ Ci siamo guardati. Avevamo fatto un respiro profondo e avevamo buttato fuori l’aria dai polmoni, guardando tutti quelli che ci sorridevano hai sussurrato: “Pensiamo, sarebbe più rassicurante, per noi, riassumere quei piccoli passi … “ Fenkuz annuì e ci disse di prendere i tre bastoncini. Stavi per andare a prendere i bastoni, ma Fenkuz mi ha detto di andare a prendere il MIO bastoncino. Più tardi ci ha spiegato una cosa che stava per dimenticare, prima di fare il salto. Il bastone era rotto in due parti e ciascuna parte apparteneva a chi lo aveva rotto e a nessun altro. Ancora una volta, avevamo buttato via l’aria dai polmoni. I nostri cuori stavano per esplodere. Mentre Fenkuz ha capito che volevamo andare nella baracca. Ci ha accompagnati mentre gli altri sono rimasti fuori sul prato. Dentro, abbiamo vagato un po’. Ci ha detto di lasciare i bastoncini sul tavolo e di andare davanti allo specchio. “Nelle tue mani avrai tutte e tre le parti del bastone. Quando sarai pronto, solo un attimo prima di saltare, lascerai cadere il grande sul pavimento e verrai risucchiato in quello che chiamiamo gap. Sarà come una spirale. Una veloce. ‘ I nostri cuori stavano impazzendo. Avremmo potuto fare il salto in quel momento. Avevamo i bastoni. Eravamo pronti ed eravamo molto tentati. Ma non volevamo fare quella follia. I nostri ragazzi non sarebbero stati pronti per questo. Ci siamo guardati intorno e siamo usciti. Ognuno con il suo bastoncino in mano. Quando è arrivata la notte eravamo ancora fuori con tutti i nostri ragazzi. Rimanemmo a vedere la luna che sorgeva in cielo. Quel giorno non abbiamo visto nessuno dei Morgur ma abbiamo potuto ascoltare la voce stridula del Piccolo che ripeteva a memoria ogni riga della sua sceneggiatura. Quando siamo tornati nell’appartamento, abbiamo ringraziato ancora Fenkuz e gli altri per l’opportunità che ci avevano dato. Siamo saliti al piano di sopra e ci siamo sdraiati sul letto abbracciati l’uno nell’altro, abbiamo chiuso gli occhi. E poco dopo il mio respiro è diventato profondo. Il silenzio era calato nel nostro Mondo Parallelo. Dopo un po’ un barlume uscì dalla baracca, illuminando per un breve periodo il paesaggio, e una risata stridula svanì nel silenzio.”

⇐ 354° capitolo 

356°capitolo ⇒

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.