336° capitolo

Mi stringevi ancora la mano, come se in essa ci fosse qualcosa che poteva prendere il volo e non tornare più indietro. Ho dato un’occhiata alle tue mani, poi ho alzato il viso verso di te e i nostri occhi si tuffavano gli uni negli altri. Mi hai guardato in un modo che mi ha lasciata senza fiato. L’unico testimone di quello sguardo fu la montagna che in tutta la sua maestà, pare ci stesse parlando. Era la leggera brezza che si abbatteva sulle pareti di roccia e il suo eco risuonava nella valle. Mentre mi guardavi ancora, i nostri cuori non volevano smettere di battere forte. “Sarà la prima volta anche per me. Anche io ho un po’di paura. Ma sarà come la prima volta che abbiamo attraversato questo mondo, il nostro mondo. ” Le tue parole, il tuo modo gentile di pronunciarle, mi hanno fatto sentire avvolta in un caldo abbraccio. E in silenzio, ti ho chiesto di continuare. Mi hai mostrato, solo con l’immaginazione, le altre cose che avremmo visto a Blue City. Eravamo sulla collina di fronte alla montagna, ma tu mi stavi indicando quello o questo edificio o strada, proprio sotto di noi, immaginando di vedere la città nella valle. Quello che stavamo provando era qualcosa di inspiegabile. Di tanto in tanto avevamo scambiato sguardi dolci, e anche se sapevamo che non era reale, avevamo continuato. Ho chiesto “… cosa c’è, là?” Indicando un punto nella Burn Valley, tenendoti stretto il braccio e tu hai continuato a descrivermi Blue City e i loro abitanti. Eravamo soli e stavamo volando con la nostra immaginazione. Le nostre emozioni ci stavano avvolgendo e non volevamo che tutto questo avesse fine. Stavamo guardando l’immaginaria Blue City appena sotto di noi, e nel frattempo si stava sviluppando nelle nostre teste l’idea reale che fossimo pronti a fare quel salto. Ci siamo guardati. I nostri respiri ci avvolgevano, i nostri occhi avevano fermato i nostri cuori e per un attimo avevamo creduto di precipitare nel nostro io più profondo. E forse l’abbiamo fatto. Le nostre anime si toccarono, ancora una volta. Siamo rimasti senza fiato. Siamo stati gettati nella confusione. Era come se il respiro dell’uno avesse dato ossigeno all’altro, e in qualche modo era così. Dopo uno sguardo profondo e lungo, hai detto “È meglio tornare a casa …” Ho sorriso e ho annuito. Mi hai aiutato a tirarmi su, ma prima di camminare mi hai tenuto i fianchi e con dolce passione mi hai baciato.

⇐ 335° capitolo

337° capitolo⇒

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.