316° capitolo

Mi hai guardato e mi hai ripetuto quella frase per paura che non l’avessi sentita. Invece avevo capito. Il mio cuore si è fermato per un secondo, poi mi hai sfiorato il viso e io ti ho sorriso e annuito.
“Mentre dormivi, ho sentito la porta della baracca aprirsi. Credo che abbiano preparato le ultime cose … “ Mi stavi guardando. I nostri cuori battevano all’unisono e le ultime parole che avresti voluto dirmi con la tua voce profonda sono state più veloci attraverso le nostre menti.
Il tuo profumo mi ha avvolto. Ho trattenuto il respiro. Volevo dire qualcosa ma non ce l’ho fatta. L’unica cosa che potevo fare era fissare i tuoi occhi e lasciarmi guidare dai tuoi sensi Mi sentivo come in un mare dove le mie emozioni erano l’acqua e il tuo profumo, la tua voce, il tuo sguardo, il tuo tocco, era la corrente, e ho dovuto seguirli.
Mi vedevi un po’ persa, ma determinata.
Sapevi quali erano i sentimenti che provavo in quei momenti. Erano tangibili.
Eravamo ancora a letto.
Lentamente ho preso la tua mano e me la sono messa sul petto. Il mio cuore stava per esplodere se non mi avessi baciato. Dolcemente ho sussurrato: “Baciami come sai fare tu”.
In quel momento ne ho avuto bisogno. Quando le nostre labbra si sono separate, mi hai guardato profondamente e in quello sguardo, un turbinio di emozioni si è incrociato l’un con l’altro e ho potuto sentire tutto quello che avresti fatto per me.
Lentamente, quella sensazione che mi bloccava, stava svanendo e un altro dolce bacio mi avrebbe dato il respiro per dirti quello che volevo dirti da quando avevo aperto gli occhi.
Sospirando ti ho detto “Ti amo tanto, Luke’. “

⇐ 315° capitolo