308° capitolo

La mattina dopo ci svegliammo con una strana sensazione. Ci siamo guardati. Senza dire nulla, ci siamo chiesti “Che cos’è?”. Lo sapevamo, era una sensazione di quelle buone. I nostri cuori battevano all’unisono e quello che sentivamo era come se ci avvolgesse e ci facesse sentire più vicini del solito. Come se quel filo che ci ha uniti sin dal nostro primo incontro diventasse sempre più forte. Mentre stavi per prendermi tra le braccia, per scendere, la nostra voglia di baciarci era incontenibile. Quel desiderio cresceva dentro di noi da quando avevamo aperto gli occhi. Ero di fronte a te. Mi hai preso i fianchi, mentre eri ancora sul bordo del letto. Lentamente mi hai messo su di te mentre ti stendevi di nuovo sul letto. Ero sopra di te. Mi stavi sostenendo. Io, delicatamente, facevo scivolare il mio vestito bianco fino a scoprire i seni. A quel punto le tue mani mi hanno fermato. Dolcemente hai iniziato a toccarmi il petto fino ad arrivare al seno quasi nudo. Le tue mani erano così delicate sul mio corpo. Ho chiuso gli occhi e tu hai continuato a sussurrarmi parole dolci finché non sono impazzita. Continuavi a tenermi il fianco, con una mano e con l’altra mi toccavi ancora delicatamente. I nostri flussi magici si stavano fondendo l’un con l’altro. Ci guardammo e per un attimo tutto sembrò sospeso. Il nostro respiro, i nostri occhi erano fissi l’uno nell’altro. Sembravano sospese anche le nostre vite. Sembrava che tutto si fosse fermato. Mi sono tuffata nei tuoi occhi, come se cercassi tutto il tuo amore per me. E quando l’ho visto anche nella minuscola pupilla dei tuoi occhi, il mio cuore è esploso e tutto ha ricominciato a pulsare. Io ero sopra di te e ti stavo guardando profondamente. Lentamente la bretellina stava scivolando sulle mie braccia e i seni si sono scoperti. Dolcemente la tua mano ha cominciato a toccarli. Ci siamo sorrisi timidamente. Le nostre labbra si sono sfiorate dolcemente. La tua mano, che mi teneva il fianco, ora mi accarezzava le gambe. Ci siamo guardati profondamente per un lungo momento e all’improvviso, dopo che mi hai preso il viso tra le mani e in un sussurro hai detto “Ti amo tanto”. Ho sospirato, piegandomi in avanti per baciare le tue labbra.

⇐ 307° capitolo

309°capitolo⇒

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.