235° capitolo

Dopo quel dolce bacio, ci siamo guardati profondamente, mentre i nostri amici pelosi erano ancora lì. Ci guardavano senza dire niente. Sembravano quasi imbarazzati, ma dovevano restare, soprattutto i Markùt. Dovevano assicurarsi che avessimo compreso completamente cosa eravamo diventati. Poi li hai guardati e dolcemente hai detto: “Dal nostro primo incontro, ho capito cosa sarebbe stata la mia vita. Le parole di mia nonna risuonavano nella mia testa, finché non mi sono fatto avanti. In te ho trovato la vera magia che ho sempre cercato “. Stavo ascoltando queste parole, come fosse la prima volta. Non avevamo mai espresso quei sentimenti a parole. Non ne avevamo bisogno. Ma ora era arrivato il momento di farlo. Stavi parlando, guardandomi, ma sapevo che stavi parlando con i Markùts. Dovevano sapere se avessimo capito l’importanza di tutto ciò che avevamo creato, anche inconsciamente, anche se non c’era niente di inconscio sin dal nostro primo incontro in quel bar. “Come ho visto i suoi occhi, sapevo che aveva qualcosa di magico’. Ascoltare le tue parole mi ha aperto il cuore e tutto ciò che ci circondava diventava sempre più un luogo da sogno più di quanto non lo fosse già. I Markùts erano davanti a noi e ora sapevano. Il nostro cuore batteva all’unisono e non abbiamo distolto gli occhi l’uno dall’altro Abbiamo capito che tutto nel nostro Mondo Parallelo era unico e dovevamo difenderlo a ogni costo. E qui Fenkuz ha detto: “Siete stati separati nelle vostre vite passate, ma il vostro amore è sopravvissuto attraverso i secoli e ora state creando questo. Siete unici e noi siamo qui per aiutarvi.” Poi lentamente i piccoli animali pelosi se ne sono andati. Ci guardammo. Tutte quelle parole risuonavano ancora nell’aria. Quelle dei Markùts e quelle di Fenkuz. Ma le parole che mi risuonavano in testa erano le tue, mentre mi guardavi senza aggiungere altro. Sapevi cosa provavo e il mio cuore stava per esplodere. Ti ho preso la mano e l’ho messa sul mio petto. I nostri sguardi si fusero l’uno nell’altro. 

⇐ 234° capitolo

236° capitolo ⇒

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.