161° capitolo

Sapevamo nel nostro profondo di non essere magici, ma quel mondo che un poco alla volta cominciavamo a conoscere, ci faceva vedere in un modo più chiaro tutto ciò che ci stava accadendo. Tutto questo durava da diversi minuti e più ne eravamo coinvolti più volevamo credere che tutta questa magia provenisse da noi. In qualche modo avevamo ragione. Tutto quello che avevamo provato quella notte era stato magico e tutte le esperienze incredibili. Siamo stati tirati dentro questo mondo così rapidamente che eravamo confusi per ogni emozione che ci colpiva e non realizzavamo che eravamo noi a irradiare quella magia. Chiudemmo gli occhi nello stesso istante in cui stavamo per uscire da questo limbo e li riaprimmo per vedere questo mondo com’era. Prendemmo un bel respiro come per scappare da questo mondo magico, per tornare a quello reale. Mi guardasti ed io feci lo stesso. In qualche modo i rumori della città ci hanno tranquillizzato. D’altro canto il posto che avevamo lasciato aveva scavato qualcosa di profondo nelle nostre anime al punto che ci siamo sentiti persi senza di esso. Senza rendercene conto ci eravamo ritrovati in quel grande crocevia Dovevamo fare una scelta. Girarci e tornare nel mondo reale o andare avanti. Ci prendemmo le mani. I tuoi occhi erano fissi nei miei. Non parlammo per tutto il tempo. Lo facevamo attraverso gli occhi e con le nostre emozioni. Stavamo per avviarci lungo un sentiero senza sapere dove questo ci avrebbe portati. Mi hai messo di fronte a te, mi preso le mani e con la tua profonda voce, mi hai detto: “Siamo arrivati così lontano. Abbiamo vissuto esperienze fuori dal normale. Ho superato molte cose solo col tuo aiuto. Vediamo cosa c’è oltre a tutto quello che abbiamo visto finora.” Ancora di fronte l’un l’altra. “Ci siamo incontrati in questo mondo per un’unica ragione. Questa…” Lentamente ti sei avvicinato, dolcemente hai appoggiato le tue labbra sulle mie e hai cominciato a baciarmi. Con i tuoi baci tutti miei dubbi mi hanno abbandonata. I tuoi baci sono stati i più magici che potessi darmi. Mentre ci baciavamo abbiamo viaggiato attraverso un altro spazio Intorno a noi c’erano le nostre luci che si fondevano con altre nuove luci. Stavamo raggiungendo il Nostro Mondo Parallelo.

⇐ 160° capitolo

162° capitolo ⇒

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.