149° capitolo

Quell’abbraccio sembrava non avesse fine. In realtà, stavo prendendo tutto il coraggio per andare avanti. Mi stringevi forte e in un sospiro: “Anche io ho un po’ di paura. Una cosa così grande non l’ho mai affrontata” Dicendo così mi hai baciato dolcemente. Lentamente ci preparammo a scendere e vedere cosa avremmo trovato. Forse una nuova scena o, magari, solo uno scorcio del nostro passato. Nessuno di noi non lo sapeva. Ti sei alzato per primo, hai allungato la mano verso di me, con tutta la gentilezza hai preso la mia senza smettere di guardarmi e siamo andati. Man mano che scendevamo i nostri cuori impazzivano. Il tuo angolo preferito era là, proprio vicino alle scale e mi hai accompagnato al divano. Mentre mi sistemavo, stavi andando in cucina e mi hai chiesto se volessi qualcosa da bere. Ho avuto un tonfo al cuore. Ti sei fermato all’improvviso e mi hai guardato. Quella scena era sorprendentemente identica alla prima volta che sono venuta nel tuo appartamento. E’ stato come un flashback o meglio un deja vu. In quel frangente una seconda pietra magica cadde sul pavimento. Avevamo raggiunto la nostra stabilità e stavamo procedendo nel modo migliore. Le nostre anime stavano facendo il loro viaggio. Lo sentivamo. Avevi preso due semplici acque minerali e alcuni snack. Ti sei sistemato accanto a me. Ormai avevamo bisogno l’uno dell’altra e ci bastava un piccolo, semplice tocco. Lentamente ci sfiorammo e incrociammo le dita. Insieme guardammo Ehwaz.

⇐ 148° capitolo

150° capitolo⇒

 

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.