105° capitolo

I nostri sguardi erano fissi l’uno nell’altro. Provammo ancora una cosa indefinita. Capimmo però che tutto quello che stavamo provando non ci era mai successo prima del nostro incontro. In quella piccola stanza, una volta senza significato, ora si stava realizzando la cosa più bella del mondo. Tutto quello che abbiamo sentito da quando ci siamo incontrati, tutto quello che abbiamo fatto stava facendo nascere un amore vero, reale costruito a piccoli pezzi, uno dopo l’altro da quando, al bar, mi aiutasti a rialzarmi. Ed era il più grande sentimento che potevamo provare. Ci sentimmo, come avvolti in un’invisibile coperta. Il nostro bisogno di abbracciarci era incontenibile, ma avevamo ancora bisogno dei nostri sguardi. Nei nostri occhi c’era la forma di amore più pura e potevano sentire i cuori fondersi. I nostri sentimenti stavano esplodendo. Noi eravamo il braciere in cui stava bruciando tutto. Non dicemmo una parola, ma ci guardammo Eravamo pervasi da uno dei più grandi sentimenti che avevamo mai provato. Stavamo assistendo alla nascita del nostro amore più puro.

⇐ 104° capitolo

106° capitolo ⇒

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.